CREATURE: uno spettacolo di teatro acrobatico africano

l'eco di Bergamo-11 maggio 2004

E lo show di teatro-circo ha incantato il pubblico

Il Premio Takunda racchiude anche un momento di spettacolo, ma non è il solito riempitivo di alleggerimento. Apprezzatissima dal pubblico che ieri ha gremito il Donizetti, è una perla preziosa, il primo spettacolo di teatro-circo rappresentato a Bergamo, una delle prime produzioni italiane del genere, una delle migliori proposte passate quest'anno dal Donizetti. È «Creature» di Marcello Chiarenza e Alessandro Serena, prodotto da Arcipelago Circo Teatro. Chiarenza è uno dei più bravi scenografi italiani, capace di incantare intessendo lo spazio scenico fra «pieni» e «vuoti», pochi elementi evocativi, il silenzio che prelude a un evento. Come regista, sa comporre scene di grande sospensione poetica. Serena è forse il massimo esperto italiano di «nuovo circo»,o teatro-circo, contaminazione tra arte circense, teatro e danza. Le musiche sono di Carlo Cialdo Capelli, uno dei più sensibili musicisti teatrali, uno dei più sensibili musicisti teatrali, in questi giorni a Milano con «Il grigio» di Gaber, diretto da Serena Sinigaglia con Fausto Russo Alesi. E poi ci sono loro:Henry Nduati, Feisal Abdallah, George Onyimbo, Aeneah Ochaka, Joseph Gathoni, Joseph Githaiga, Evans Kangeana, Carla Babelegoto e Emanuele Pasqualini. Un clown, e una troupe di acrobati kenioti, dall'energia esplosiva e immediata. Verticali, piramidi, acrobazie a corpo libero, salti mortali: tutto il repertorio, sciolto in una scrittura gestuale e coreografica di grande effetto, giocata sul rimando a elementi primordiali.Fuoco, terra, aria, acqua. La terra su cui poggia l'acrobata-danzatore, l'aria a cui tende, il fuoco di una forza scenica disciplinata (ma non troppo, per fortuna) dalla scrittura scenica. E l'acqua di un'energia vitale che rimanda a una comune umanità. La poesia in un salto mortale.

Dal mondo incantato di Chiarenza e Serena nascono le poetiche "Creature"

Pier Giorgio Nosari, L’Eco di Bergamo 11 maggio 2004